COVID-19: intervista Time al Dr. Bruce Aylward una dei massimi esperti dell’OMS.

intervista Time al Dr. Bruce Aylward una dei massimi esperti dell’OMS.

(23 MARZO 2020)

DI AMY GUNIA 

“Questa è una delle malattie più gravi che dovrai affrontare nella tua vita, riconoscerla e rispettarla. È pericoloso per te come individuo. È pericoloso per i tuoi genitori, per i tuoi nonni e gli anziani in particolare ed è pericoloso per la tua società in generale. In questo non sei un’isola, fai parte di una comunità più ampia, fai parte di catene di trasmissione. Se vieni infettato, lo stai rendendo molto più complicato e stai mettendo le persone in pericolo, non solo te stesso.”

Il Dr. Bruce Aylward ha quasi 30 anni di esperienza nella lotta contro la poliomielite, l’Ebola e altre malattie e ora ha rivolto la sua attenzione a fermare la diffusione di COVID-19.

Consulente senior dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), è uno dei massimi funzionari al mondo incaricati di combattere la pandemia di coronavirus, In una lunga intervista di teleconferenza con TIME del suo ufficio a Ginevra (23 MARZO 2020).

“…la Cina è preoccupata. Mentre viaggiavamo in Cina, una delle cose più sorprendenti che ho trovato, soprattutto in contrasto con l’Occidente, mentre parlavo con governatori, sindaci e i loro casi stavano precipitando, in alcuni dei luoghi erano già scesi a casi a una cifra —Come ho parlato con loro e ho detto: “Quindi cosa stai facendo ora?” Dissero: “Stiamo costruendo letti, compriamo ventilatori, ci stiamo preparando”. Dissero: “Non ci aspettiamo che questo virus scompaia, ma ci aspettiamo di essere in grado di gestire la nostra società, gestire la nostra economia, gestire il nostro sistema sanitario. Non possiamo finire di nuovo in questa situazione. “…continua

… e alla domanda: Perché il tasso di mortalità in Italia sembra essere così alto?

“È una combinazione di fattori. Se guardi l’Italia e la distribuzione per età, è il secondo paese più antico del mondo dopo il Giappone, la gente lo dimentica. Hanno la popolazione più anziana  con patologie  gravi e hanno maggiori probabilità di morire.”

…ed ancora…

“Una delle cose che mi terrorizza ora è che, poiché questo è diffuso in Occidente, c’è questo senso di invulnerabilità tra i millennial. E assolutamente no. Il dieci percento delle persone che si trovano in [unità di terapia intensiva] in Italia ha 20, 30 o 40 anni. Sono persone giovani e sane, senza co-morbilità, senza altre malattie.Non capiamo perché alcuni giovani sani progrediscano in una malattia grave e persino muoiano e altri no.”

Conclude con una nota positiva:

“Questo finirà con l’umanità vittoriosa su un altro virus, non c’è dubbio. La domanda è quanto e quanto velocemente prenderemo le misure necessarie per ridurre al minimo il danno che questa cosa può fare. Col tempo avremo terapie, avremo vaccini, siamo in corsa contro questo e ci vorrà grande collaborazione e pazienza da parte della popolazione generale per fare la sua parte perché alla fine sarà la popolazione generale a fermare questa cosa e rallentarla abbastanza da tenerla sotto controllo.”

———————————————–

n.b. … per concludere:

Si parla di fase 2 nel nostro paese, l’Italia, ma, in verità, ancora dobbiamo uscire dalla fase 1 e non l’Italia soltanto, ma il mondo intero, aggiungiamo noi! Insieme soltanto potremo uscirne con il minor danno possibile, sia per la salute della popolazione che quella economica, bisogna fare i passi giusti, in tutti i campi, sia  nella sanità, sia nell’economia e sia, aggiungiamo, nel campo dell’umano essere!