La politica del”FARE” (fessi gli italiani!).

Il governo delle larghe intese, i primi cento giorni, aiuto alle famiglie e i più indingenti, defiscalizzare il lavoro e le imprese che offrono lavoro, attacco alla disoccupazione giovanile, taglio delle tasse, controllo della spesa pubblica, ecc., ecc.,!
Dimenticare è facile per i politici che si alternano nelle poltrone del potere che logora soltanto chi non ce l’ha!
Renzi tratta con chi dovrebbe stare in galera, Letta si gongola della superprotezione presidenziale, Alfano continua a sfogiare le sue belle frasi fatte, Vendola cerca di recuperare consensi riprendendo l’argomento depenalizazione droghe leggere, Monti se la ride, Saccomanni/o fa ciò che gli viene bene cioè prendersela con chi non riesce più ad opporsi, in questo caso gli insegnanti, F.I.  aspetta il miracolo della resurrezione di B!
Il Pd non esiste più se non nella carta, la sinistra si è dimenticata di se stessa, i progressisti si inventano slogan per le future campagne elettorali!
Ma tra un anno il 40% degli italiani sarà alla fame e tra due cioè nel 2015 le pensioni saranno a rischio con un bug previsto ma reale di 10 miliardi di euro!
Intanto con il fiscal compact ci toccherà raccimollare 20 miliardi all’anno per fare onore agli impegni europeei presi da Berlusca,Monti e Letta!
La scure fisco sulle imprese ma anche sui lavoratori superà il 45% ed in alcune realtà anche il 50%!
Equitalia ha perso più del 80%  dei contenziosi aperti con ditte ed imprese e privati che comunque intanto hanno dovuto chiudere per fallimento e nessuno andrà da Equitalia a riscuotere!
Nonostante ciò i managers statali guadagnano al giorno quanto un lavoratore in un mese (vedi presidenza Rai ed Inps!)
Cosa si è dimenticato?

Bene adesso andiamo a votare alle europee!