PEPPINO IMPASTATO:Sai contare? Cento passi per liberarci dalle mafie!

Il 9 maggio 1978 Peppino Impastato viene messo a tacere dal boss di turno Tano Badalamenti, in un paesino della Sicilia, a pochi noto, ma che da quel fatidico giorno diverrà terra di pellegrinaggio laico di flotte di giovani agli anni a venire! Una marcia che tutt’oggi continua, imperterrita, indomabile, arrabiata ed assetata di giustizia, giovani di ieri e di oggi, si ritrovano in questo cammino, cento passi che attraversa tutta l’Italia! Peppino ormai non è più una vittima della mafia o meglio dire mafie, Peppino adesso è una idea, un valore aggiunto alla cultura ed alla memoria storica di questo paese malridotto che è l’Italia! Le mafie che ci governano, dalle tangenti dell’expo 2015, alla TAV, dagli F35 ai MUOS, dal bunga-bunga alla compera dei deputati, dalle cooperative nere e rosse, dagli affiliati alla p2 e p3 e px, dall’inciucio dx e sx che poi ormai è la stessa … Continue reading

Se questo e’ un uomo!

Un uomo che candidamente assume un killer mafioso consapevolmente e volutamente, e che delle origini del suo immenso capitale economico non si sa nulla o peggio ancora si sospetti di soldi riciclati ad odor di mafia, un uomo che a 70 anni suonati preferisce circuire ragazzine minorenni, un uomo che fa tacere la libera informazione comprandosi tv giornali e giornalisti, un uomo che pur di farla franca con la legge compra politici, parlamentari e mette su un partito di sua proprieta’ ed a sua immagine e somiglianza sfornando leggi leggine e decreti per nascondere le sue macagne, un uomo che usa salutare costantemente con il saluto fascista, non e’ un uomo, ma bensi’ una lobby, una congrega di pochi, magari massoni e mafiosi, quindi non e’ soltanto uno ma tanti da giudicare e magari condannare, una intera classe politica, di destra e e sinistra, da cancellare, debbellare! Questa non e’ … Continue reading