Se questo e’ un uomo!

Un uomo che candidamente assume un killer mafioso consapevolmente e volutamente, e che delle origini del suo immenso capitale economico non si sa nulla o peggio ancora si sospetti di soldi riciclati ad odor di mafia, un uomo che a 70 anni suonati preferisce circuire ragazzine minorenni, un uomo che fa tacere la libera informazione comprandosi tv giornali e giornalisti, un uomo che pur di farla franca con la legge compra politici, parlamentari e mette su un partito di sua proprieta’ ed a sua immagine e somiglianza sfornando leggi leggine e decreti per nascondere le sue macagne, un uomo che usa salutare costantemente con il saluto fascista, non e’ un uomo, ma bensi’ una lobby, una congrega di pochi, magari massoni e mafiosi, quindi non e’ soltanto uno ma tanti da giudicare e magari condannare, una intera classe politica, di destra e e sinistra, da cancellare, debbellare! Questa non e’ … Continue reading

IL POETA PEPPINO IMPASTATO (Cinisi, 5 gennaio 1948 – Cinisi, 9 maggio 1978)

Nel leggere le poesie di Peppino Impastato ci da la sensazione che egli sia ancora con noi, vivo e vegeto, perchè le emozioni, i pensieri che da esse scaturiscono  danno l’impressione del presente, di un uomo dei nostri giorni, perchè egli, Peppino, era avanti di decenni rispetto ai suoi coetanei, che spesso, magari non comprendevano del tutto le sue spinte innovative sul sondare la società, l’esistenza, la politica, la comunicazione! Un uomo avanti, come lo era Rostagno, La Torre, Fava. Tante volte commemoriamo questi uomini solo dal punto di vista socio-politico, ma c’era altro, oltre la politica, c’era il sentire il mondo come qualcosa che ci appartiene e che sta nella nostra volontà il plasmarlo a nostra immagine interiore! Lui, Peppino, ci è riuscito, nonostante i tempi, ha dato una accellerata alla cultura sociale di una terra, la Sicilia, che tanti, durante la sua storia, hanno tentato di forviare e … Continue reading