Virus Zika: di cosa si parla?


Istantanea_2016-02-02_09-04-38

 

Fonte wikipedia: https://it.wikipedia.org/wiki/Virus_Zika

Il virus Zika (ZIKV) è un RNA virus della famiglia Flaviviridae, genere Flavivirus, gruppo Spondweni, isolato per la prima volta nel 1947 da un primate in Uganda, nella Foresta Zika, riserva naturale vicino Entebbe.Negli ultimi anni la malattia si è poi diffusa in tutti i continenti, Europa inclusa.

Negli esseri umani provoca una malattia nota come “zika” o febbre Zika. Il virus è strettamente correlato a quelli che provocano la dengue, la febbre gialla, l’encefalite del Nilo occidentale e l’encefalite giapponese, tutti trasmessi principalmente da punture di insetto e pertanto definiti arbovirus.

Esso è trasmesso da numerose zanzare del genere Aedes, negli ambienti equatoriali soprattutto la Aedes aegypti e in quelli temperati la Aedes albopictus (zanzara tigre).

La Febbre Zika si contrae prevalentemente tramite punture di artropodi (zanzare), pur essendo possibile un contagio diretto attraverso emoderivati o per via sessuale.

Il virus fu isolato nel 1947 da un macaca mulatta presente nella Foresta Zika dell’Uganda, e successivamente nel 1968 fu isolato per la prima volta in esseri umani in Nigeria. Dal 1951 al 1981, analoghi campioni umani sono risultati positivi anche in Uganda, Tanzania, Egitto, Repubblica Centrafricana, Sierra Leone, Senegal e il Gabon. In Asia si è riscontrata in India,Malaysia, Filippine, Thailandia, Vietnam e Indonesia dove è stato trovato nel 2006.

Ricercatori hanno analizzato integralmente l’RNA dell’agente infettivo dimostrando un’alta omologia genomica tra il ceppo latino-americano e quello che ha circolato nel Pacifico tra il 2013 e il 2014.[19]

In Brasile la prevalenza nel 2015 di Febbre Zika si stima fra i 440.000 e 1.300.000 nuovi casi, mentre casi autoctoni vengono registrati in Colombia, El Salvador,Guatemala, Messico, Paraguay, Porto Rico e Venezuela

Inoltre, sempre in Brasile, nel 2015 si sono registrati nei neonati 3500 casi di microcefalia, a fronte dei precedenti 150 casi/anno.

Non esiste nessun trattamento antivirale specifico per la malattia da virus Zika. Il trattamento è generalmente favorevole e include il riposo, fluidi, e l’uso di analgesici e antipiretici.A causa di simile distribuzione geografica, i pazienti con sospetta infezione da virus Zika anche dovrebbero essere valutati e gestiti come fossero affetti da una possibile infezione da virus dengue o da chikungunya. L’aspirina e altri farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) per tanto dovrebbero essere evitati, almeno fin tanto che la dengue viene esclusa come causa dei sintomi, ciò per ridurre il rischio di emorragia.

Le persone infettate con Zika, chikungunya, o virus della dengue dovrebbero essere assolutamente protetti per evitare ulteriore esposizione a zanzare durante i primi giorni di malattia ed evitare così che altre zanzare vengano infettate ciò per ridurre il rischio di trasmissione locale.”

Per potere accedere a tale virus in formato da laboratorio e quindi poterne studiare eventuali antivirus e cure bisogna acquistarlo,E.599.00, da questo link:

http://www.lgcstandards-atcc.org/products/all/VR-84.aspx?geo_country=it#history

I cui diritti di deposito sono di proprietà:

Name of Depositor J. Casals, Rockefeller Foundation

Dobbiamo augurarci soltanto che non scoppi una nuova pandemia e guarda caso c’è sempre chi ci guadagna!

Di Furfur – Questo file deriva da: BlankMap-World6.svgZika Travel Health Notices, Centers for Disease Control and PreventionZika virus infection – Guyana, Barbados and Ecuador, WHOCountries with local Zika transmission , European Centre for Disease Prevention and ControlVanuatu records first case of rare mosquito-borne zika virus, abcnews.net.auPremier cas autochtone d’infection à virus Zika en Nouvelle-Calédonie, Centre de vaccinations internationales Air France, CC BY-SA 4.0, $3

Mappa della diffusione mondiale dell’epidemia al dicembre 2015