Emergenza infinita?


Climate-change, pandemia covid-19,  due enormi punti interrogativi sopra le nostre teste, due fronti di battaglia comuni a tutta l’umanità iniziati in tempi diversi, ma che manifestano i loro primi effetti globali in contemporanea!

Il cambiamento climatico sappiamo ormai tutti che è causato dall’effetto serra, per l’emissioni di gas a combustione carbon-fossili e petrolio degli ultimi 200 anni con la rivoluzione industriale.

A scoprirlo fu un certo Svante Arrhenius, scienziato svedese(1859-1927) premio nobel per la chimica nel 1903.


fu il primo a sostenere nel 1896 che la combustione di combustibile fossile potrebbe provocare un aumento del riscaldamento globale.

125 anni fa, in pieno inizio sviluppo industriale, quest’uomo metteva in guardia l’umanità intera di una possibile trasformazione dell’ambiente dove viviamo, a causa delle emissioni di gas delle ciminiere industriali. Ma, come possiamo ben costatare tutti oggi, ciò non è stato preso mai in considerazione da nessun stato,comunità o popolo, nelle proprie strategie di sviluppo e di creazione di, ahimè, ciò che presumevano di chiamare “benessere collettivo”!
Oggi, da un paio di decenni, si fanno i convegni globali sul cambiamento climatico, oggi, si prendono provvedimenti, oggi…
Intanto, le temperature sono salite a tal punto di anticipare lo scioglimento dei ghiacciai perenni e delle calotte polari di parecchi decenni, da ciò si presume che, come da un pò, alcuni mass-media annunciano, l’innalzamento globale delle acque è cominciato, gli sconvolgimenti delle correnti oceaniche sta pure esso a dare le sue risposte negative al clima (uragani e tifoni più forti, venti più potenti, fiumi e laghi più irruenti ed invasivi, temporali ed alluvioni epocali in tutto il globo.


Una cronaca, quella di questo post, che non sembra essere sazio di verità.
Sì, perchè a queste catastrofi bisogna aggiungere la recente pandemia di covid-19, che solo il doverlo scrivere mette angoscia!
Sì! Perché anche qui gli studi sui corona-virus avevano dato già queste avvisaglie di preoccupazione, anzi hanno pure trovato, per la SARS & family, rimedi.

Fonte wikipedia:

I coronavirus sono stati scoperti negli anni sessanta dalle cavità nasali dei pazienti con raffreddore comune.[9] Questi virus furono successivamente chiamati Coronavirus umano 229E (HCoV-229E) e Coronavirus umano OC43 (HCoV-OC43).[10] Sono stati identificati altri due membri di questa famiglia (Coronavirus umano NL63, HCoV-NL63, nel 2004; Coronavirus umano HKU1, HCoV-HKU1, nel 2005) e sono stati coinvolti in infezioni del tratto respiratorio più gravi.

Non esistono vaccini o farmaci antivirali considerati validi dalla comunità scientifica per la prevenzione o per il trattamento delle patologie indotte.

Si ritiene che i coronavirus causino una percentuale significativa di tutti i raffreddori comuni negli adulti e nei bambini. I sintomi che si riscontrano più frequentemente sono febbre e adenoidite acuta con maggior incidenza durante l’inverno e l’inizio della primavera.[11] In molti casi i coronavirus possono causare polmonitepolmonite virale diretta o polmonite batterica secondaria; inoltre possono portare anche allo sviluppo di bronchite, bronchite virale diretta o bronchite batterica secondaria.[12]”

Di Alissa Eckert, MS; Dan Higgins, MAM – This message is number 23312 in the Public Health Image Library (PHIL) of the CDC., Pubblico dominio, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=86444014

Oggi ci stiamo vaccinando, ma arrivano le varianti ed è uno sconforto per tutti, compreso scienziati, a noi rimane poco da fare se non continuare con le cautele (mascherina in luoghi pubblici chiusi, in bus, sui treni, in aereo, disinfettare mani e superfici, etc.,)!

Se si avesse fiducia nella collettività, forse si potrebbero non considerare altre restrizioni, ma affidarsi al buonsenso della gente comune che liberamente sceglie di attuare il giusto comportamento nei vari casi in cui ci si trova!

Ma forse è chiedere troppo

lasciare libera la gente di gestire la propria vita? Come si faceva prima?

Ma non si può escludere da questo post  l’argomento “tempo“!

Cioè quanto dureranno tutte queste emergenze?

Stiamo facendo davvero tutto per ripartire o dimentichiamo qualcosa?

Forse qualcosa, cioè che una stra-grande maggioranza dell’umanità nei paesi in via di sviluppo non è stata vaccinata, ma già mancavano molte cure per altre epidemie, ma questa è un’altra storia, che, però, confluisce anche qui, in questo discorso, perchè il futuro è già incerto, ma se si blocca l’interscambiabilità tra popoli e paesi del mondo, se si creano i confini più insormontabili tra nazioni limitrofe, se…

Non siamo un gregge, non siamo animali, ma da come tutto sta evolvendo, non siamo diversi dagli animali, nonostante tutta la nostra intelligenza, ne subiamo le conseguenze indifesi o poco difesi ed il presente stato delle cose lo testimonia.

N.B.: questo post è incompleto..ci sarà tempo per continuarlo a scrivere, magari con un epilogo positivo.

Intanto è coerente al titolo:

Emergenza infinita?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *